Home | Comunicati | ROMA: RIVOLUZIONE ROCK AI FORI IMPERIALI?

ROMA: RIVOLUZIONE ROCK AI FORI IMPERIALI?

FacebookTwitterGoogle+Condividi

02_Divo_Nerone_900x474

A Roma, dal 1 giugno al 10 settembre 2017, è in programmazione il musical #DivoNerone, Opera Rock”, eredità della Giunta #Marino.  
ALL’INTERNO DELL’AREA #ARCHEOLOGICA DEI FORI IMPERIALI è stata realizzata una IMPONENTE STRUTTURA di 36 metri in larghezza, 27 metri in profondità e 14 metri in altezza, oltre ad una platea con 480 poltrone e all’impianto audio/luci che violano palesemente le sagome del Palatino.
Oltretutto il palco sovrasta anche la vicina #Chiesta di #SanSebastiano sul #Palatino, importante per l’architettura e per gli antichi affreschi del X secolo, oltre ad essere un importante luogo di culto per i romani. La mole e la potenza dell’impianto audio utilizzato nel corso dell’evento – oltretutto patrocinato proprio dal Ministero dei Beni Artistici Culturali e del Turismo – produrranno inevitabilmente pericolose vibrazioni, caos e rifiuti incompatibili con le attività di culto e il disagio arrecato inevitabilmente ai turisti e agli abitanti della zona. Infine, ma da non sottovalutare, nel corso dei quasi 4 mesi di durata dell’evento, sono stati bloccati i lavori di scavo di una équipe francese, progettati da tempo.

Per la realizzazione del musical #DivoNeroneOperaRock, sono state stanziate ingenti risorse pubbliche, creando una società apposita, la “Nero Divine Ventures spa”, il cui capitale sociale iniziale era di 10 mila euro (51% della “Artisti associati & partners srl” e 49% della “Amygdala srl”), dopo appena un mese il capitale sociale è stato portato a 400 mila euro, di cui soltanto 50 mila versati dai soci privati e 350 mila conferiti sulla base del valore dello spettacolo che i proponenti hanno stimato in ben 14 milioni di euro. In sintesi, la #Regione #Lazio avrebbe investito nella Nero Divine Ventures Spa, tramite il fondo di Venture Capital, finanziato dalle risorse POR (Programma Operativo Regionale) #FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2007/2013, attraverso la sua società̀ Lazio Innova spa. L’investimento totale ammonterebbe a 1.500.000 di euro, di cui 1.050.000 di euro dal Fondo Venture Capital della Regione Lazio e 450.000 euro dai co-investitori…

Secondo il Decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004 “I BENI CULTURALI NON POSSONO ESSERE ADIBITI AD USI NON COMPATIBILI CON IL LORO CARATTERE STORICO O ARTISTICO OPPURE TALI DA RECARE PREGIUDIZIO ALLA LORO CONSERVAZIONE”  vorremmo sapere dal #Ministro del #Mibact, #Dario #Franceschini, quali siano i criteri in base ai quali sono state rilasciate le autorizzazioni e se siano stati realizzati studi adeguati per garantire la sicurezza dei beni archeologici oltre che degli spettatori che partecipano all’evento.

#DarioFranceschinirispondi

#MichelaMontevecchi
#Movimento5Stelle #SenatoItaliano

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>